Contenuto principale

Messaggio di avviso

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca Qui per ulteriori informazioni.

premio 1  premio letterario2

L'alunna Sara Manfrida della IV D Turismo (nella foto, la prima a sinistra), seguita dalla referente del progetto la docente Daniela Rodella, ha vinto il concorso  di scrittura epistolare “ Da questo luogo, da questo tempo, lettera a …", destinataria Maria Occhipinti, una delle grandi donne siciliane, spesso dimenticate. Concorso che ha prodotto il libro “ Lettere a Maria Occhipinti” Edizioni Arianna, presentato il giorno della Festa della Donna nell’Auditorium del Liceo “Caminiti” di Giardini Naxos. 

L’idea è nata dalla collaborazione fra la Direttrice artistica di Naxoslegge, Fulvia Toscano, la Dirigente scolastica dell’I.S. “Caminiti- Trimarchi”,  Carmela Maria Lipari,  la responsabile della Biblioteca delle donne del Liceo “Caminiti” di Giardini Naxos, Marisa Messina e la casa editrice Edizioni Arianna. Tra le scuole della Sicilia che hanno partecipato sono state selezionate dieci lettere ritenute dense di spunti di dialogo, scritte dagli studenti, a cui hanno risposto le scrittrici siciliane Nancy Antonazzo, Licia Cardillo, Marinella Fiume, Daniela Gambino, Marilina Giaquinta, Gabriella Gullotta, Clelia Lombardo, Dora Marchese, Gabriella Vergari, Lina Maria Ugolini, che hanno indossato i panni di Maria Occhipinti. Un'esperienza importante che la stessa Sara Manfrida ha commentato: "Poter volare con il pensiero e con la penna è stata un’avventura emozionante”. Presente il Dirigente Scolastico del Pugliatti Luigi Napoli che ha rivolto il suo omaggio alla celebrazione della Giornata internazionale della donna. Ha anche sottolineato "In quanto comunità educante, la scuola genera una diffusa rete relazionale, intessuta di linguaggi culturali ma anche affettivi ed emotivi, sempre  tesa a promuovere la condivisione di quei valori che fanno sentire i membri della società, come parte di una comunità  viva e attiva. La scuola affianca al compito dell’insegnare ad apprendere quello dell’insegnare ad essere".